Per la società di ricerca IDC, chi indossa i wearables?

IDC: chi possiede dispositivi indossabili è esperto di tecnologia, elegante e “social”

Esperto di tecnologia, elegante e “social”. È questo l’identikit del possessore di dispositivi indossabili emerso dall’ultimo studio pubblicato da IDC (International Data Corporation), secondo cui questa tipologia di consumatore sarà in grado di guidare il mercato dei wearables negli Stati Uniti nel corso dei prossimi anni.

Lo studio è stato effettuato sulla base di un campione di 1500 intervistati che intendono acquistare un prodotto indossabile entro i prossimi 6 mesi, ed ha evidenziato alcuni interessanti aspetti.

Il 76% dei possessori di dispositivi indossabili controlla il proprio smartphone appena svegli, e l’89% si ritiene esperto in materia di tecnologia. L’87% usa regolarmente Facebook (il 29% lo controlla ogni ora), e il 54% si chiede “quando non controllo i social media, chissà che cosa mi sono perso”.

La grande maggioranza dei possessori di wearables ritiene fondamentale il modo in cui ci si veste e ci si presenta agli altri: il 63% degli intervistati, ad esempio, ha affermato di trovarsi d’accordo sulla frase “Gli accessori che indosso (occhiali, orologi, gioielli) dicono qualcosa di me”, mentre l’81% ritiene di essere consapevole di come ci si presenti agli altri.

La passione per i wearables è rappresentata dal 74% di intervistati che definiscono “eccitante” la tecnologia indossabile e dal 71% che ritiene che si tratti della “next big thing” nel campo della tecnologia. La maggior parte delle persone (65%) crede infine che i wearables possano impattare positivamente sulla vita quotidiana di ciascuno di noi.

“Gli esperti sono entusiasti dei wearables, ma hanno esitato prima di acquistare un dispositivo”, ha affermato il VP e Consulting Partner di IDC Allan Fromen. “questo implica che le aziende non hanno ancora decifrato il codice per fornire qualcosa che sia funzionale e alla moda allo stesso tempo. Dato che gli esperti sono molto attenti, le aziende hanno bisogno chiaramente di concentrarsi sull'estetica del loro prodotto - forse ancor più che sulle caratteristiche”.

Per ciò che concerne i brand, i preferiti sono Apple per gli smartwatch (52%), Fitbit per le fitness band (37%), Google per gli smart glass (36%) e Nike per il vestiario (40%).

“Siamo ancora all’inizio del mercato dei wearables e questo offre alle aziende l’opportunità di catturare i gusti dei consumatori e il market share”, ha affermato il Research Manager di IDC Ramon Llamas. “Gli esperti gravitano attorno alle aziende tecnologiche perché queste hanno aiutato i pionieri ed hanno mosso il mercato in avanti. Sarà interessante osservare come le aziende tecnologiche creeranno partnership con quelle esterne al settore per sviluppare nuove applicazioni, o anche come le aziende non tecnologiche possano competere in questo campo. La nostra ricerca mostra interesse per entrambe”.

hdblg

Source: http://bit.ly/2fYlv1d